Storia di Trogir

Pubblicato in Cultura e arte

Nel 1242 i tartari esigevano dai cittadini di Traù l'estradizione del re Bela IV, il quale trovò rifugio a Traù, gridando la loro richiesta in croato, in modo da essere capiti. Trogir/Traù ha coniato il proprio denaro di rame (bagattino), con la figura del patrono di San Lorenzo/Lovre.
Nel XIX e agli inizi del XX secolo Trogir/Traù era visitata da scrittori di fama mondiale e da vincitori del Premio Nobel come Bernard Shaw , Herman Bahr e Anatol France che la descrivono in modo positivo, che la conferma come destinazione culturale e turistica internazionale. La città venne visitata dall'imperatore austriaco Francesco I d'Asburgo (1818) e dal re di Sassonia Federico Augusto (1838). Nel 1859, Massimiliano, l'arciduca d'Austria che più tardi diventò imperatore del Messico, fu sopraffatto dalla bellezza della città e le predisse un brillante futuro legato al turismo. La visita dell'imperatore Francesco Giuseppe, nel 1874, segnò l'inizio delle attività più serie riguardo alla reviviscenza delle risorse turistiche.
Trogir è orgoglioso anche della prima farmacia pubblica, aperta nel 1271 sul territorio croato, secondo alcuni la prima in Europa. Situata all'interno di una casa, nei pressi della cattedrale e della loggia. Il documento originale, che lo conferma, fa parte di una collezione privata, mentre la copia si trova al Museo di Trogir.

Turismo di Spalato e Dalmazia
Prilaz braće Kaliterna 10/I, p.p. 430, 21000 Split,
Tel/fax: +385(0)21 490 032,  490 033, 490 036
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

htz it-IT

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok